CORNEA

La Cornea è la porzione anteriore della tonaca fibrosa dell'occhio.
La sua funzione è quella di permettere il passaggio della luce verso le strutture interne dell'occhio, facendo convergere i raggi luminosi verso la retina.

Patologia

Stacks Image 129
Stacks Image 151
Stacks Image 133
Stacks Image 157

Miopia

Miopia Elevata

Ipermetropia

Astigmatismo

Stacks Image 181
Stacks Image 183
Stacks Image 185
Stacks Image 189

Presbiopia

Cheratocono

Cheratiti

Cataratta

Stacks Image 67
Stacks Image 70

Congiuntivite

Pterigio

COME FUNZIONA LA CORNEA

Il Diottro Oculare
La cornea ha un potere di lente di circa 43 diottrie. Assieme al cristallino, che possiede un potere di lente di circa 20 diottrie, forma il diottro oculare.
La cornea è la componente diottrica più importante dell'occhio.
Stacks Image 265
Fisiologia Corneale
Lo spessore corneale centrale è di circa 520-540 micrometri. Posteriormente aderisce alla sclera presso la giunzione sclerocorneale formano un lieve solco detto limbus. E' composta da 5 strati. Il più superficiale è l'epitelio corneale di circa 50 micrometri. Sotto l'epitelio si trova la membrana di Bowman. Il terzo strato è lo stroma corneale composto principalmente di collagene e da cheratociti. Il quarto strato è la membrana del Descemet. L'endotelio corneale è il quinto strato e funge da filtro posteriore per la cornea.
Stacks Image 283

DIAGNOSTICA

Stacks Image 258
Topografia Corneale
consente di valutare la superficie anteriore della cornea: numerosi anelli concentrici vengono proiettati sulla superficie corneale e da questa riflessi verso l'apparecchio che li elabora e poi, mediante una stampante, li converte in una mappa a colori.
Stacks Image 271
Tomografia Corneale Visante
La tomografia Visante permette di migliorare l’accuratezza nella diagnosi e nel trattamento di patologie corneali.
Ottimizza la pianificazione di interventi chirurgici di cheratoplastica lamellare anteriore o posteriore anche in presenza di cicatrici o alterazioni della trasparenza corneale. Permette la visualizzazione dell’iride e delle strutture angolari della camera anteriore, implicati entrambi per lo sviluppo e l’evoluzione del glaucoma
Stacks Image 73
Microscopia Endoteliale
Consente lo studio morfologico e morfometrico dell’endotelio. Consiste nel fotografare, con un apposita fotocamera computerizzata, la superficie più interna della cornea. Questo esame viene utilizzato in tutte le patologie che interessano questo strato corneale (distrofie e degenerazioni endoteliali, malattie corneali ereditarie e senili, flogosi endoteliali,…). E’ fondamentale come esame preliminare in caso di chirurgia (come cataratta, glaucoma, trapianto di cornea).
Stacks Image 147
Pachimetria Corneale
La metodica più diffusa sfrutta tecniche di ecografia monodimensionale (A-scan) con apposite sonde ad alta frequenza. Per l'esecuzione dell'esame è necessario instillare una goccia di collirio anestetico nell'occhio da esaminare, ed appoggiare sulla cornea per pochi istanti una sonda simile ad una piccola penna. Lo spessore corneale rappresenta anche un fattore di rischio per il glaucoma; pertanto l'esame risulta indispensabile in tutti i pazienti a rischio di glaucoma.

COME FUNZIONA IL CRISTALLINO

Il Diottro Oculare
È una lente naturale dell'occhio che, insieme alla cornea, consente di mettere a fuoco i raggi luminosi sulla retina. Ha il compito specifico di variare la distanza focale del sistema ottico, cambiando la propria forma, per adattarlo alla distanza dell'oggetto da mettere a fuoco.
Stacks Image 285
Fisiologia del Cristallino
Il cristallino è un alette biconvessa posta nella zona anteriore del bulbo oculare posteriormente al piano irideo.
La capsula del cristallino è una membrana che lo avvolga interamente. Su questa, equatorialmente, si inseriscono le fibre dell'apparato zonulare di Zinn, che mantengono il cristallino in sede.
Stacks Image 94

DIAGNOSTICA

Stacks Image 301
Biometria Ottica No-contact
Prima di ogni intervento di cataratta viene eseguito questo esame per calcolare il potere (Diottrie) della lente IOL da inserire nell’occhio.
Il biometro ottico IOLMaster rende accurate e affidabili le misurazioni della lunghezza assiale del bulbo oculare anche in presenza di occhi che presentino anormalità o ametropie (difetti di vista) elevate.
Lo strumento permette il calcolo della lunghezza assiale dell’occhio, la cheratometria (valore di curvatura medio corneale), la profondità della camera anteriore tutto con tecnologia no-contact, rendendo l’esame più confortevole per il paziente che non ha bisogno di anestesia.