FORO MACULARE

Il foro maculare è un difetto retinico a tutto spessore situato nell'area foveale.

Cosa è il foro maculare
Un foro maculare appare come un difetto retinico a tutto spessore nell'area foveale, circa 500 µm di diametro. Spesso c’è un opercolo sospeso sulla superfice della menbrana ialoidea posteriore in fronte del foro
Stacks Image 311
Stacks Image 308
Perché si produce
Ci sono numerose cause della formazione del foro maculare che includono la degenerazione miopica, l'edema maculare cistoide, la trazione vitreo-maculare, la contrazione di una membrane epiretinica, il trauma, e la retinopatia solare (retinite foveo-maculare), ma per la maggior parte i fori maculari sono idiopatici.
L'area foveolare è particolarmente suscettibile alla formazione di un foro a causa della sua sottigliezza, avascolarità e mancanza di supporto che è fornita in altre aree retiniche dalle cellule di Muller, e a causa di una relativamente spessa membrana limitante interna.





Stacks Image 400
Come si manifesta
I primi sintomi del foro maculare sono annebiamento della vista, distorsione delle immagini (metamorfopsia) e scotoma negativo all’inizio, spesso prima dello sviluppo del foro. La presnza di fotopsia è rara. All'inizio l'acuità visiva può essere quasi normale. Una volta che il foro maculare si è completamente formato l’acuità visiva è di solito compresa fra 4/10 e 1/20, ma raramente è peggiore.
Stacks Image 420
Come si può prevenire
Il foro maculare senile idiopatico è un disordine che si presenta in individui che sono altrimenti in buona salute e che sono nella sesta decade di vita o oltre. Le donne sono colpite più spesso degli uomini in un rapporto di 2:1. Il rischio di un coinvolgimento bilaterale è del 10-20% ma raramente la comparsa è simultanea. L'incidenza del foro maculare è circa 1:5000 individui.
Il foro maculare completo evolve attraverso una serie di stadi che incominciano con il foro maculare incipeiente. Circa metà dei fori maculari incipienti regrediscono spontaneamente. La metà rimanente progredisce a foro maculare a tutto spessore. In un paziente con un foro maculare in un occhio il rischio di sviluppare un foro maculare nell'occhio controlaterale è meno del 2% se c'è già un distacco del vitreo posteriore. Se il vitreo posteriore è attaccato il rischio è circa del 15%. Se un foro maculare incipiente è presente nell'occhio controlaterale il rischio aumenta al 50%.

DIAGNOSTICA

Esame del fondo oculare

La diagnosi di foro maculare può essere fatta esclusivamente da un oculista mediante esame del fondo oculare.
In seguito verranno eseguiti esami strumentali per seguirne l'evoluzione.

Stacks Image 437
OCT
L’OCT, senza l’utilizzo di mezzi di contrasto, permette, attraverso l’uso di una sonda laser ad infrarossi, di ricostruire l’anatomia della retina nella regione maculare.
L'evoluzione del foro maculare avviene attraverso 4 stadi consecutivi. L'esame OCT è essenziale ad oggi per valutare lo stadio e programmare il trattamento del foro maculare.
Stacks Image 453

TRATTAMENTO

Vitrectomia
La chirurgia del foro maculare ha un successo anatomico in circa 90% dei casi. L'acuità visiva di 4/10 o meglio viene raggiunta in circa la metà dei pazienti con sintomi recenti. La chirurgia consiste nell'eseguire una vitrectomia abbastanza estesa e successivamente rimuovere (peeling) la membrana limitante interna con una pinza speciale. Alla fine viene iniettato all'interno dell'occhio un GAS della durata di 10-15 giorni.

Esplora la vitrectomia
Stacks Image 384