Ciclofotocoagulazione
Copyright © John Smith, All Rights Reserved.

Ciclofotocoagulazione transclerale

Cosa è?

La ciclofotocoagulazione transclerale con laser a diodo è un procedimento chirurgico. Il laser si applica in sala operatoria sovra l'area dell'occhio che produce umore acqueo (corpo ciliare) perché diminuisca la produzione di liquido e, perciò, la pressione endoculare.

In quali casi si esegue?

Trattandosi di un procedimento ciliodistruttivo, si riserva come trattamento di seconda elezione, quando non esistono altre possibilità di chirurgia per il glaucoma o si tratta di un occhio con bassa visione.

Esami preoperatori

Esame oftalmologico completo.

Durante l'intervento

E' un procedimento rapido e non è intraoculare,non ci sono ne suture ne incisioni. Si pratica in anestesia locale con puntura peribulbare. Dopo il chirurgo applica la sonda laser sulla superficie dell'occhio ed inizia il trattamento.

Precauzioni

Non ci sono precauzioni particolari da osservare.

Rischi

Non ci sono rischi particolari. A volte un solo trattamento può non essere sufficiente. In tale caso va ripetuto fino all'ottenimento della pressione oculare desiderata.

Specifiche

PATOLOGIA
glaucoma avanzato

ANESTESIA
locale con puntura peribulbare

DURATA
5-10 minuti

NEL POSTOPERATORIO
riposo e mantenere l'occhio bendato

CONTROLLI
il giorno dopo l'intervento

TERAPIA
con colliri nelle settimane successive

REINTERVENTO
si può reintervenire in caso di insuccesso

*terapia e controlli postoperatori possono variare su decisione del medico curante